Ciao Rita

22 agosto, 2018  |  PRIMO PIANO

Sono stata a Palermo, anche come rappresentante di SAO, al funerale di Rita Borsellino, grande donna che mi ha onorato della sua amicizia,  e sono ancora emozionata per l’affetto per lei che ho riscontrato in tutti i moltissimi presenti, per la partecipazione alla messa officiata dal cardinale Corrado Lorefice di Palermo in una chiesa affollatissima, per gli amici di tutta Italia che ho potuto abbracciare.

Alla veglia funebre nel Centro della Memoria Operante intitolato a Paolo e situato in una grande villa confiscata alla mafia e circondata da un meraviglioso parco, giovedì sera è arrivato anche don Ciotti che si è soffermato a lungo davanti alla bara in cui Rita sembrava dormire quasi sorridente e ha recitato con i presenti una preghiera.
Della Lombardia ho visto rappresentanti di Bergamo, Valcamonica e Mantova,
non ho incontrato – anche se forse c’erano – nessuno di Milano. Sono stati pubblicati su Il Fatto quotidiano due bellissimi articoli di Nando Dalla Chiesa e Alex Corlazzoli e su Repubblica uno di Attilio Bolzoni che cita anche Saveria.
E’ significativo che tante personalità, che non nomino  perché è impossibile citarle tutte, siano corse a Palermo per l’ultimo saluto a Rita.
Ora bisogna aiutare il Centro Borsellino a esistere.
Come ha detto Claudio, il figlio di Rita, concludendo la cerimonia, “ognuno faccia qualcosa per quello che può e che sa”.
Jole







Ti potrebbero interessare anche

  • Nessun articolo correlato

SEZIONI