firmiamo per conservare la targa a Peppino Impastato nella Biblioteca di Ponteranica

4 giugno, 2012  |  DOCUMENTI

Segnaliamo il link per firmare l’Appello “La memoria non si
cancella”

http://www.giuliocavalli.net/2012/05/31/a-ponteranica-vogliono-rimuovere-peppino-impastato-lappello/

COMUNICATO STAMPA unitario di LIBERA, Coordinamento Provinciale Bergamo,  dei Padri Sacramentini e del Comitato Peppino Impastato di Ponteranica (BG):

Dopo aver rimosso nel 2009 la targa e l’intitolazione della biblioteca comunale a Peppino Impastato,
contro il parere degli stessi parenti e dei confratelli di Padre Baggi, che saggiamente chiedevano di non
porre in contrapposizione le due figure, di lasciare l’intitolazione della biblioteca a Peppino Impastato e di
trovare un altro bene comunale da intitolare al Padre Baggi, l’attuale Amministrazione Comunale di
Ponteranica si appresta ora ad intitolare la biblioteca comunale al Padre sacramentino Giancarlo Baggi.
Noi ribadiamo il nostro profondo rammarico e la nostra contrarietà a questo nuovo atto che rinnova
l’assurda logica di contrapposizione della memoria di due persone di importantissimo spessore umano e
culturale; la memoria dei fatti e delle persone che si sono distinte serve di monito alle generazioni
presenti. La memoria delle persone che hanno dato grandi esempi si aggiunge, non si sostituisce!
Desiderando meglio specificare le nostre intenzioni, precisiamo che non parteciperemo a
manifestazioni/presidi di protesta organizzati per il giorno dell’evento per i seguenti motivi:
- per il rispetto e l’attenzione che dobbiamo alle alunne ed agli alunni di 5a elementare che prenderanno
parte all’evento: perché non vogliamo correre il rischio di essere nell’elenco di coloro che proveranno a
strumentalizzarli;
- perché siamo soggetti autonomi dalla politica e dai partiti e non vogliamo che si confondano le nostre
posizioni e desideriamo quindi uscire da semplificazioni di questa vicenda che la vorrebbero ridurre ad un
semplice scontro tra forze politiche o partitiche;
- affinchè sia evidente che non contestiamo la memoria di Padre Baggi, ma l’inaccettabile
contrapposizione che questa Amministrazione, attraverso la rimozione dell’intitolazione a Peppino
Impastato prima, e con questa nuova intitolazione ora, ha volutamente provocato.
Abbiamo deciso di manifestare il nostro dissenso organizzando, nelle prossime settimane, una serata
pubblica con l’intento di:
- far conoscere e ricordare degnamente le figure di Peppino Impastato e Padre Baggi
- comprendere insieme ai cittadini il valore e l’importanza del messaggio che la loro memoria
custodisce
- segnalare e spiegare il pericolo del radicamento mafioso al nord e più specificatamente nel
territorio bergamasco.

 

 








Ti potrebbero interessare anche

  • Nessun articolo correlato

SEZIONI